rete operatori sociali

forum sulla cooperazione e i servizi alla persona
 
IndiceIndice  PortalePortale  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 Riccardo Rasman

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
zakunin
Admin


Numero di messaggi : 51
Data d'iscrizione : 16.11.07

MessaggioTitolo: Riccardo Rasman   Sab Apr 19, 2008 2:48 pm

Segnalo a tutti questa drammatica storia, un intreccio tra disagio, da un lato, e brutalità istituzionale, incapacità comunicativa tra istituzioni ed inumana ferocia dall'altro.

Ringrazio la Casa delle Culture per avermi dato la possibilità di approfondire questa storia.

Vorrei che ne parlassimo anche al prossimo incontro della rete, per farla un po' nostra e per poter contribuire a dare visibilità al caso.





Edit:
E' attiva una petizione online per chiedere verità e giustizia per l'uccisione di Riccardo Rasman avvenuta nel 2006 a Trieste per mano della polizia.

Il link per aderire è:
http://www.ipetitions.com/petition/riccardorasman/

Tutta la documentazione sul sito
http://www.alessandrometz.it

La mail per informazioni è giustiziaperriccardo@libero.it

Il testo della petizione:

Citazione :
VERITA' E GIUSTIZIA PER RICCARDO RASMAN

"Riccardo era una persona buona, una persona sensibile, forse è stato proprio questo la causa della sua malattia. Io gli avevo fatto una promessa, gli avevo detto, lui che aveva sempre paura, gli avevo detto:" Riki, tu non devi vivere nella paura, tu devi pensare che davanti a te ci sono io. Prima che facciano del male a te ci sono io". Ma questa promessa non sono riuscita a mantenerla".

Trieste - Riccardo Rasman aveva 34 anni il 27 ottobre del 2006. E' morto nella propria casa dopo l'intervento di due pattuglie di Polizia.
Per il fatto sono indagati quattro agenti: Francesca Gatti, Mauro Miraz, Maurizio Mis e Giuseppe De Biasi.
Riccardo era un ragazzone alto 1 metro e 85 e pesava 120 chili, il termine tecnico della sua malattia era “sindrome schizofrenica paranoide". La sua depressione ebbe inizio durante la leva militare, quando subì violenti atti di nonnismo, tanto da vedersi riconosciuta dalla corte dei conti l'infermità dipendente da causa di servizio.
Aveva paura, viveva nella paura delle divise, poco importa se militari o di polizia, quelle divise gli avevano portato la sua malattia e il 27 ottobre del 2006 anche la morte.
Quella sera era euforico, era felice, il giorno dopo iniziava a lavorare, ma ha commesso un peccato mortale, ha deciso di festeggiare gettando alcuni petardi dal balcone. Questa la causa della sua morte.
Una vicina chiama la polizia, arrivano due volanti, vogliono entrare ma lui ha paura si distende sul letto, è solo, dice che no non vuole aprire, a un certo punto urla se entrano li ammazza, ma è troppo tardi, l'ordine non tollera insubordinazioni, neanche da chi è ammalato. I poliziotti chiamano i vigili del fuoco, viene sfondata la porta ... e inizia la fine.
Morte per asfissia da posizione.
Sul corpo di Riccardo diverse ferite, molto sangue nella camera, le perizie dei legali di parte dicono: per causare le lesioni riscontrate gli agenti hanno usato mezzi di offesa naturale in maniera indiscriminata anche verso parti del corpo potenzialmente molto delicate, ma anche oggetti contundenti come potevano essere il manico dell'ascia rinvenuta nell'alloggio o il piede di porco usato dai vigili del fuoco per forzare la porta d'ingresso. Gli stessi agenti hanno ammesso di averlo utilizzato contro il braccio destro di Riccardo. Manette ai polsi e filo di ferro alle caviglie, ma anche i segni di un imbavagliamento con blocco totale o parziale della bocca, effettuato con un cordino o con qualcosa di simile. Questo imbavagliamento avrebbe causato una ulteriore restrizione, soprattutto della respirazione.
Il PM sta valutando se chiedere l'archiviazione o proporre il rinvio a giudizio dei quattro poliziotti, la difesa afferma che l'intervento dei poliziotti era legittimo e l'azione svolta per legittima difesa, i legali di parte civile affermano: “In caso di delitti ed in particolare di omicidi di cui sono accusati appartenenti alle forze dell'ordine, le indagini devono essere affidate a corpi investigativi che siano indipendenti da quelli coinvolti nei fatti delittuosi”.
I primi testi furono persino sentiti dagli attuali poliziotti indagati.
L'archiviazione del caso tutto questo non potrebbe chiarire, solo un processo potrebbe aprire alla verità e forse alla giustizia.
Proprio quest'anno si celebra il trentennale della 180, e c'è chi in questa città vuole festeggiare Basaglia, ma ha deciso di tacere su quanto successo a Riccardo, noi vogliamo poter festeggiare anche la Verità e la Giustizia e per farlo non possiamo lasciare una morte come questa nel silenzio.
Per questo ne parliamo e ne parleremo ancora e ancora chiederemo Verità e Giustizia.

_________________


Nel paese della bugia, la verità è una malattia. (Gianni Rodari)
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://retesociale.forumattivo.com
luciano
NewMember


Numero di messaggi : 24
Data d'iscrizione : 20.12.07

MessaggioTitolo: Re: Riccardo Rasman   Sab Apr 19, 2008 5:39 pm

io non so se queste cose nel resto d'europa succedono.....sono d'accordo con zakunin che andrebbe discussa la cosa il 28 aprile (20:30) alla riunione in officina sociale.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
 
Riccardo Rasman
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
rete operatori sociali :: settori :: psichiatria-
Andare verso: